Joseph Hubert Pilates

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinrssyoutubevimeotumblrinstagramflickr

La nascita del metodo

Joseph Hubert Pilates

Joseph Hubert Pilates

Nasce a Mönchengladbach, presso Dusseldorf, in Germania, nel 1880. Da bambino soffre di problemi di salute, febbre reumatica, asma e questo lo porta a praticare diversi tipi di sport, divenendo ben presto un atleta con un corpo forte e armonico.

Suo padre era un campione di ginnastica e la madre era naturopata.

Joseph Pilates ricevette in regalo un libro di anatomia, ancora bambino, e si appassionò enormemente alla materia.

Comincia a studiare forme di esercizio fisico orientali ed occidentali, come lo Yoga, lo Zen, e forme di lavoro corporeo dell’ antica Grecia e degli antichi romani. All’età di 14 anni il suo corpo era già così sviluppato che posa come modello per disegni di anatomia.

Nel 1912 si trasferisce in Inghilterra dove si guadagna da vivere come pugile, artista in un circo, e preparatore di detective in tecniche di autodifesa. Due anni dopo, allo scoppio della prima guerra mondiale, viene imprigionato in quanto straniero nemico. Durante la prigionia, Pilates inizia a lavorare come aiutante nell’ospedale del campo, utilizzando il proprio stesso corpo per aiutare i pazienti a stare meglio. Comincia ad insegnare attività ginniche nel campo di prigionia, condividendo le sue conoscenze sul corpo, ed aiutando a creare uno stato di salute tra i prigionieri migliore i quando erano liberi. Si dice che nel campo nesuno dei prigionieri che seguivano il suo training morì, mentre una terribile epidemia di influenza provocò la morte di più di mille persone in Inghilterra in quel periodo…

Alla ricerca di un aiuto nella sua missione, Pilates pensa di creare una macchina: modificando alcuni letti, cambiando le molle e utilizzandole come resistenza, crea un primo attrezzo per riabilitare i pazienti feriti durante la guerra.

foto della macchina Cadillac per il metodo Pilates

La famosa Cadillac

Questo letto modificato può essere considerato come la prima bozza della “Cadillac”, la macchina con cui nascono i primi esercizi del metodo Pilates. La “Cadillac” consiste in una intelaiatura in legno a forma di lettino su cui è installata una struttura metallica che permette l’inserimento di molle ed accessori con diverse posizioni, altezze ed angolature.

foto che ritrae Pilates con la moglie Clara

Pilates con la moglie Clara

A metà degli anni ’20, Joseph Hubert Pilates si trasferisce negli Stati Uniti a New York, dove, insieme a sua moglie Clara, apre un suo studio in cui il suo metodo, allora definito “Contrology”, prende forma e si sviluppa in parallelo agli ambienti della danza fino alla metà del secolo scorso, quando i giornali cominciano a parlare di lui. Il suo scopo era sempre quello di insegnare alle persone a muoversi in modo morbido, nel rispetto della natura, come un felino, al fine di vivere in maniera più piena e soddisfacente.

Dagli anni ’40 il metodo Pilates si espande a macchia d’olio e comincia ad essere conosciuto e praticato ovunque nel mondo.

Pilates in azione sulla Cadillac

Pilates in azione sulla Cadillac

Riconosciuti ballerini e compagnie di danza frequentano gli allenamenti del metodo “Contrology” (george Balanchine e Marta Graham tra i primi) e poco a poco questa disciplina si diffonde tra gli sportivi e successivamente alla gente comune ottenendo la popolarità che cresce anno dopo anno.

Quando Pilates morì, all’età di 87 anni, si muoveva ancora come un giovane.

Il metodo Pilates si arricchisce di un lavoro a corpo libero, senza le macchine, detto “Pilates Matwork”, che, proprio per la maggiore semplicità e praticità dovuta all’assenza di macchinari, si sta diffondendo ancora di più.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblrmail
Menu Title